Le Invasioni Pettariche - Mrs. Appleblossom

venerdì 26 febbraio 2010

4^ puntata
ospite Mrs. Appleblossom

Yahoooo! Hii haaa! No amici, non sono uscita di senno, mi sto solo facendo contagiare dal clima western di questi giorni. Tutti stiamo impazzendo per i Petling questi graziosi batuffoli pulciosi che saltano ovunque e richiedono cure costanti, affetto e tanto tanto cibo! Tutti questi amorevoli compagni salterini li possiamo trovare da una altrettanto amorevole pèttina che ci fornisce ogni sorta di seme per piante, fiori,verdure e accessori per i nostri animaletti. È con noi… Mrs. Appleblossom!
(Appare in studio con molta calma, data l'età avanzata).

Mrs. Appleblossom: "Ma shaaaalve ragaaaaasssshuoli" (con pesante accento bolognese)
Camilla: "Benvenuta signora! Serve un aiuto con questi sgabelli? A volte possono essere insidiosi."
Mrs. A.: "Ma no, graaaasssie carina, è tutto a poshto"
C.:"Mia cara signora, lei si occupa delle forniture per tutti i nostri giardini: da dove nasce questa passione?"
Mrs. A.: "L’ho ereditata dalla mia bisnonna quand’era ziovine sa? Gran bella donna… alta... formosa… un donnino di zentoventichili che she ti dava uno smataflone pirlavi per due gioni e mezzo! Modestamente mi shembra d’aver preso tutto da lei"
C.:"Se lo dice lei… Senta, ci sono state grandi novità nel “garden”: i petling, le stanze segrete come quella sull’albero o il giardino che arriva insieme ai tre bacherozz... ehm le tre fatine..."
(nemmeno il tempo di terminare la frase che un incessante ronzìo continua ad aumentare d'intensità finché, con un gran sbatter d'alette, compaiono le tre fatine)
R.:"Piacere io sono Rosaline e mi prendo buona cura dei vostri fiori"
O.: "Fammi posto spetalata! E io invece sono Orangine, bado che i vostri alberi siano sempre carichi e rigogliosi"
C.:"Largo brutte befane! Io sono Coraline e mi occupo della crescita senza OGM delle verdure: sì lo so, a vederle non si direbbe che siano proprio genuine, ma dovreste sapere che alla Playfish fanno tutto così graaaaaande che..."
O.:"Ma sta' zitta, broccola di una! Non vedi che manco sembrano verdure quelle???"
R.:"Ma senti ‘sta mela marcia! Perché gli alberi di muffins o tortine alle fragole invece son normali???"
C.:"Ah be’, i tuoi fiori invece sono a posto, scema di una genziana spampanata! Ma se sono più alti dei Pet!"
Mrs. A.:"Mo sòccia, m’o bashta voi tre veh?!! Mo guardaaaate che prendo l'inshettiscida e vi stendo come una sfoglia tirata a mano! Tutto il giorno a litigare!”
Fatine in coro:"Zzzzzz va bene… la smettiamo!"
Mrs. A.:"Mi shcusi sha, ma queshte zanzarèlle... mo shon shempre coshì fashtidiouse..."
C.:"Signora, non si preoccupi, però grazie d’averle zittite! Ma come fa a reggerle? mi stava venendo un mal di testa… comunque abbiamo tempo solo per un'ultima domanda: può darci qualche informazione in più sui Petlings?"
Mrs. A.:"Shorbole! Ma zerto, e grassie della domanda! mo glielo dico contro il mio interesse veh? Sharan mica normali quei robini lì! Ti arrivan in casa che paion spugnette lavapiatti, manzian come lupi, saltano su come delle cavalette, ti cambian colore se gli dai un biscottino!… ha mica mai notato che Petlings fa rima con Gremlins? Non vorrei far la prova a bagnarli perché z’ho paura che mi diventin dei mostri assassini, veh?!"
C.:"Sa che non ci avevo pensato? Ehm… grazie ancora per la sua saggezza e per questo interessante spunto di riflessione, Mrs. Appleblossom. E mentre se ne va, la prego, si porti via pure i bacherozzi... E a tutti voi, carissimi tele-pet-tatori, un caloroso abbraccio e... al galoppo!, ci vediamo la prossima settimana!”


Coming Soon - Oh la là, c'est magnifique...

giovedì 25 febbraio 2010




Evidentemente alla Playfish sentono aria di primavera (mescolata a profumi di qualche fornaio specializzato in fragranti croissant), perché il tema dominante della prossima settimana sembra essere un'estensione della settimana francese dell'anno scorso, con un'enfasi particolare sulla cucina.
Anche Miss Lily non si è smentita e ha impiegato il suo colore preferito (indovinate qual è...) per la nuova collezione.
Infine, qualche oggetto in stile marino fa ben sperare per il wallpaper-acquario che ancora latita. Vediamo quanti e quali di questi oggetti ce la faranno a raggiungere gli scaffali il prossimo lunedì (si sa: di bug in bug...).


Harpet's Bazaar #3 - Audrey Again

mercoledì 24 febbraio 2010

L'editoriale di Miranda Petsley

La notte degli Oscar si avvicina, e Miss Lily sta proponendo molte diverse mise ispirate a famosi film del passato così da favorire la creatività di chi intende partecipare al concorso della Playfish. Il disappunto perciò per occasioni tanto attese e inspiegabilmente mancate come questa legata all'icona per eccellenza dello chic, Audrey Petburn, è assoluto. L'abito proposto cade male, allarga i fianchi, rende tutte le pèttine che lo indossano vedove di mezz'età dei Sopranos agghindate per un funerale del capomafia invece che delle Holly Petlitley (com'era nelle intenzioni iniziali) esili e affascinanti.

Per questo stavo quasi per cancellare lo speciale dedicato al revival degli anni '50 quando alla mia nuova assistente Mekuro è provvidenzialmente cascata, dalla pila di impaginati e documenti che mi stava mostrando, una stampata di provini fotografici in cui si era divertita a interpretare quella stessa meravigliosa allure assente dalla collezione ufficiale con abiti e accessori diversi.

La ragazza ha del talento. Mi ricorda me da giovane, così fiduciosa e creativa. La logica conclusione è stata quindi dedicarle la copertina e disporre perché mi accompagnasse a Parigi per le prossime sfilate. Dove ci vestiremo entrambe a lutto se saremo di nuovo costrette a recitare il De Profundis per la vera eleganza...




P&TC Walk of Fame - Beyonpét

martedì 23 febbraio 2010


Dopo Johnny Deppet un'altra star ha deciso di mandare i propri saluti ai lettori del blog di Pet And The City: la famosissima Beyonpét!
Membro originario delle Destiny's Pet, ballerina, stilista, attrice oltre che cantante allieterà i sogni di quei lettori (come Samurai o Pedrino) che avevano chiesto a gran voce la presenza nella nostra Walk Of Fame non solo di fascinosi rubacuori ma anche di splendide sirene.





Come aggiornare lo status dei pet

lunedì 22 febbraio 2010


Per tutti i pet che avessero intenzione di aggiornare il proprio status le cose si sono leggermente complicate. Se prima infatti bastava cliccare sull'iconcina del sorrisetto e pubblicare in bacheca il testo cambiato, adesso che l'iconcina è scomparsa (in assoluta controtendenza! quando mai le icone delle funzioni sono diminuite? ogni tanto ne spunta una nuova...) bisogna cliccare direttamente sul Led Ticker ed aggiornare da lì.
Ad alcuni funziona normalmente in ogni stanza, altri però hanno segnalato che la finestra in cui digitare il testo si apre solo se il Led Ticker è posizionato nella stanza principale (quella di ingresso).
Misteri dei tecnici Playfish...


P&TC Walk of Fame - Johnny Deppet

domenica 21 febbraio 2010


A grande richiesta (e per gentile intercessione... "personale" di Zip) la fotografia autografata del grande Johnny Deppet solo ed esclusivamente per il blog di Pet & The City.
Una nuova, entusiasmante rubrica che porterà le più importanti stelle dello star-system direttamente sulle pagine del vostro blog in tutto il loro splendore.


Coming Soon - Wilma dammi il revolver...

venerdì 19 febbraio 2010





Alcuni degli oggetti che potrebbero essere in vendita nei negozi di Pet Society da lunedì 22 febbraio (oltre all'attesissimo wallpaper sottomarino che si comporterà come un enorme acquario già presentato lo scorso venerdì negli spoilers di "Coming Soon").

Continuano i temi "papabili" per le ambientazioni del contest ufficiale della Playfish dedicata al grande cinema, e al di là di una leggera schizofrenia spazio-temporale, la grafica è sempre più accattivante.

Restiamo in attesa di sapere che pensa dei vestiti la nostra Miranda Petsley, ma nel frattempo potremmo chiosare con un inevitabile YABADABA-YAHOOOO.
Giusto per restare in tema...

Gossip - Scoop! Zip si dà al cinema!


Notizia ghiottissima per le fan del famoso divo Johnny Deppet e per gli innumerevoli ammiratori di Zip: i due hanno iniziato le riprese di un nuovo film insieme intitolato "Nove settimane e Pet".
"Solo nudi artistici, e tra noi soltanto stima, amicizia e complicità" ha dichiarato la protagonista femminile, mentre il fascinoso Johnny si è trincerato dietro un laconico "no comment" riguardo alle numerose voci che circolano riguardo a un suo coinvolgimento sentimentale con la propria partner.

La nota columnist Clementina, amica di entrambi e involontaria artefice della novella carriera cinematografica di Zip (si vedano a questo proposito i commenti al post dell'ultima puntata delle Invasioni Pettariche) si è invece detta perplessa per la mancanza di computer nella scenografia (e anche dell'esiguità dei costumi di scena).

Le Invasioni Pettariche - Mr. ?

giovedì 18 febbraio 2010


3^ puntata
ospite Mr. "?"
.

Eccoci qui per una puntata spumeggiante del vostro programma preferito. Be’, almeno lo spero! Intanto, buon Carnevale a tutti. Come vedete, anche io mi sono travestita da Uma Thurman di Kill Pet.
Finora abbiamo avuto con noi dei personaggi che ci hanno tutti riservato delle sorprese. È bello scoprire ciò che gli altri nascondono, anche se a volte sono segreti che è meglio che rimangano tali.
Oggi però abbiamo il più ineffabile tra i commercianti del villaggio, colui che è perennemente avvolto nel mistero più fitto: sto parlando di Mr. ?.

Camilla: "Bentrovato!!"
Mr. ?: "Dolcissima Valchiria, ho accettato il suo invito
per questo confronto
poiché per questa operazione
mi sembra d’esser pronto"
C.: " Lei e il suo negozio siete comparsi una notte e non ve ne siete più andati: è stato difficile trovare il personale necessario per la costruzione in così breve tempo"
? : " Tanto impossible la mission poi non era,
tant’è vero che il negozio il mattino dopo c’era”
C.: "Che carine la rime! Ma cosa la spinge a mantenere così strettamente il suo anonimato?"
? : " A una guerra di mondi abituato m’ero,
così a quello della fama e alla notorietà son fuggito
e in questo di tutti pet son diventato nero”
C.: "Immagino lo stress! E qui al villaggio nessuno ha mai sospettato il suo vero nome, almeno finora. Si trova bene in questa condizione di segretezza?"
(balza sulla poltroncina e comincia a saltellare)
? :"Il business rischioso può apparire,
ma benissimo va se dal mondo vuoi scomparire”
C.: "Si calmi per favore, non siamo mica da Oprah Winf-pet."
? : "Un’intervista siffatta nemmeno da un vampiro la tollererei
ma per lei, gentile damigella, calmarmi effettivamente potrei"
C: : "Ecco, bravo. ritorniamo al suo negozio per cortesia. Lei vende pozioni che fanno temporaneamente cambiare aspetto in cioccolatini, scheletri, pupazzi di neve e pandizenzero... siamo sicuri che siano legali queste mutazioni Pet-genetiche?"
? : "Cielo di vaniglia, magnolia a volontà,
uso solo ingredienti sani!
nelle mie pozioni l’effetto collateral proprio non ci sta"
C: : "E che ci dice delle Mistery Box da 5 cash coins:hanno avuto fortuna?"
? : “Persino l’ultimo dei samurai l’intera sua paga spenderebbe,
per acquistar con le mie scatole gli oggetti rari che altrimenti non avrebbe"
C. : "Insomma Mr. ?, ma mi ha presa per scema? ora mi sono stufata, è giunto il momento di svelare la sua identità, visto che dalle sue bislacche risposte ho capito benissimo chi lei sia".
? : "Meravigliosa Camilla, più preziosa ai miei occhi di Nicole,
Petelope e Katie tu sarai
se al pubblico il mio mistero non svelerai…”
C.: "Ah, la mette così. Va bene, se mi trova più bella di Nicole Kidpet… che poi effettivamente mi dicono in tanti che ci assomigliamo… e del resto c’è il diritto alla privacy... e infine noi non vorremo certe perdere il nostro fornitore di MB! E allora: rispettando questa del tutto legittima richiesta di silenzio ci salutiamo e vi auguriamo nuovamente buon Carnevale e buona mascherata a tutti! Ehm, scusate, piccola comunicazione di servizio: Lupo stasera non aspettarmi che forse faccio un po’ tardi per lavoro… Arrivederci alla prossima puntata!"

Chi vuole partecipare come pubblico alle prossime puntate delle Invasioni Pettariche si prenoti nei commenti...

TG P&TC - Scherzi da alieno...


Si è brevemente diffusa in rete ieri la diceria secondo la quale entrando in visita a casa di un pet amico si sarebbe potuto agguantare un oggetto volante nelle sue stanze o giardini e venderlo o riciclarlo. Alienini multicolor, fantasmini allegri, persino le fate del cash coins (sì: anche i costosissimi "bacherozzi" erano a rischio!) hanno vissuto un momento di terrore, con preoccupati genitori che si fiondavano nel gioco per mettere al sicuro in cassapanca gli acquisti fatti.
Allarme rientrato. E' effettivamente possibile provare l'ebbrezza della trasgressione vendendo o riciclando le svolazzanti proprietà altrui, ma tranquilli: il gioco non salva. Provare (magari con un alieno verdino non TWS...) per credere!

Dedicato...

mercoledì 17 febbraio 2010


La "Dichiarazione" vincitrice del concorso "Dillo con parole tue...".
Grazie a Lokum e alla sua "mamma" per il regalo bellissimo.

C'è voluto un po’ per farlo capire a Lokum. Non sto scherzando.
Non appena ha saputo del concorso (da me ovviamente, perché lei ancora non sa leggere) ha iniziato ad armeggiare nel baule con le sue manine da topolino, incerta se mettere l'abito rosa o quello rosa un po’ più scuro - oh pet, quando l'abbiamo comprato c'era scritto rosso, è vero, ma che si credono? Che siamo cieche? Sarà pure risaputo che sia io che la mia piccola portiamo gli occhiali, ma il rosa dal rosso lo sappiamo distinguere benissimo! Tze! - E comunque... che stavo dicendo? Ah, sì! Stava appunto rovistando nel baule dei vestiti, in dubbio se indossare gli abiti nuovi o, come fa più spesso lei, qualcosa di mischiato-inventato-originalmente-resettato, per poi andare a casa del suo primo autentico fidanzatino, Grotty e scrivere una frase con tutto il suo roditore cuoricino, magari sopra una torta, un cioccolatino, un orsacchiotto o una carta da parati dipinta ad arte...

...quando l'ho fermata.

Con la boccuccia appena dischiusa, le manine ancora nel baule e gli occhietti gialli con un'espressione a metà fra il deluso e l'amaro mi ha chiesto: "Ma perché no, mamma? Mi hai sempre detto che ti avrebbe fatto piacere vedermi finalmente innamorata, senza più la paura di lasciarmi andare, senza più il rigido controllo delle mie emozioni che mi scatta in automatico quando conosco un pet, per il terrore di essere ferita. E adesso che ho finalmente superato tutte le mie paure e ho deciso di chiudere gli occhi e vivere senza l'ansia di vivere, adesso che finalmente ho abbassato tutti i muri di cinta e dato il mio cuore ad un pet... tu non vuoi che dedichi questo concorso a lui?"
Sorridendo amorevolmente e sfiorandole il nasino con l'indice, fiera dei passi in avanti che quel sorcetto è riuscito a fare, solo con le sue forze, ho risposto: "Cosa hai imparato, in questi giorni, Lokum?"
Lei muove un'orecchietta tonda e dopo aver guardato senza troppa attenzione la stanza, pensandoci bene, incalza: "Che non bisogna avere paura?"
Scuoto il capo e sempre amorevolmente, torno a chiedere: "Mmmh, solo?"
Lokum stringe gli occhietti gialli e serra un pugnetto: "Che c'è un sacco di gente cattiva! Proprio ieri tu..."
Alzo una mano per fermarla, scuoto il capo e lei tace, con espressione interrogativa. Cerca delle risposte da me, è ovvio, visto che sono la sua mamma e allora torno a sorridere e indico la finestra: "Che cosa vedi?"
"La neve?"
"No, guarda meglio.."
Lokum si avvicina alla finestra, non ci arriva tanto bene, per cui si arrampica aggrappandosi con le manine al davanzale di legno e usando come scalino il divano di pandizenzero, posto proprio sotto, il musetto premuto al vetro che si appanna col suo respiro, grida esultando, lo sguardo rivolto alle casette dei vicini di casa: "Gli amici!"
Batto le mani, chinando il capo alla sua risposta intelligente: "Brava, Lokum, brava. Vedi gli amici. E non hai imparato niente, questi giorni, proprio sugli amici?"
Ancora con le manine sul davanzale, il viso voltato verso di me, scivola con i piedini giù, finendo seduta sul divano. Guarda per un po’ i propri piedini che si muovono nelle ciabattine blu e poi mormora, stringendo a sé un cuscino: "Ho imparato cos'è il rispetto e.. che non mi piace essere tollerante."
Aggrotto la fronte per un momento: adesso sono io a non capire cosa vuole farmi intendere: "Ma come, Lokum? E' proprio questo il punto, invece. Io volevo che tu avessi compreso il valore della tolleranza e..."
"Ma no, mamma!" Esclama, zittendomi prima che io possa aver finito la frase, poi continua: "Io non tollero l'esistenza di quello che è diverso di me, io la pretendo!"
Dischiudo appena le labbra mentre un lievissimo pizzico mi bagna l'angolo dell'occhio. Sono costretta a deglutire per non lasciare che una lacrima scenda lungo la guancia: "Lo pretendi?"
"Sì!" Continua lei, l'espressione sicura di sé: "Tollerante è chi accetta una cosa a fatica, la rispetta probabilmente, ma solo il fatto di dire che la tollera, significa che la riveste di qualcosa di alieno rispetto al normale, la ripone su di un piano di singolarità, la tratta come se fosse... altro."
Poso le mani in grembo, incerta se prenderla fra le mani a coppa e torturarla di baci o lasciarla continuare. Opto per la seconda scelta: "E tu invece, cosa sei, Lokum?"
Lei mi guarda per un po’, sbatte le palpebre e poi mi sorride: "Io sono Lokum, mi piace tanto il formaggio, gli occhiali tondi e la casa di Sniappa! La mattina butto il latte nel lavandino perché non mi piace, però devo farti credere che l'ho bevuto tutto! Dico che non mi piacciono i vestiti rosa perché voglio fare l'alternativa, invece ho tutto il baule pieno di nastrini confetto! Quando starnutisco salto all'indietro e quando mi arrabbio mi si arriccia tutta la bocca... Sono grigio scuro, non troppo alta, ho le orecchie a sventola e sono intollerante. Lo sono con Clementina, perché non tollero che sia color pesca matura: io lo voglio! E lo sono con Sniappa, perché non tollero che porti degli occhiali più belli dei miei: io lo voglio! Lo sono con Grotty, perché non tollero che abbia iniziato a vestirsi da pettina femmina, di tanto in tanto: io lo voglio! Lo sono con Spank, perché non tollero che gli piacciano le femminucce, TUTTE...: io lo voglio! Lo sono con la Drug, perché non tollero che sia un pettino che si sente una pettina: io lo voglio!"
"E perché, Lokum, vuoi tutte queste cose?" Chiedo, indicandole di nuovo la finestra.

Si alza di nuovo in piedi sul divano, preme le manine sul vetro e sorride, guardando Predi che gioca a palle di neve con Blueberry, il nostro cane: "Perché se loro, ognuno di loro, non fosse così com'è, non sarebbe se stesso e a me piacciono tutti così come sono, e perché c'è sempre da imparare da qualcuno che è diverso da te. Se il mondo fosse pieno di topolini grigio scuro, io sarei rimasta la Lokum di qualche tempo fa, invece ho imparato che non devo avere paura e... e mi sono fidanzata con Grotty! Loro me l'hanno insegnato, mamma! Io sono cambiata perché c'è!"
Finalmente soddisfatta e adesso completamente incapace di fermare le lacrime chiedo ancora, con voce roca: "Cos'è che c'è, Lokum?"
Lei si volta, scende dal divano e si arrampica sulla mia mano, percorre il braccio sino a fermarsi sulla mia spalla, dalla quale asciuga la mia lacrima con il pelo morbido e vellutato del pancino, sussurrando al mio orecchio: "La diversità."

Dedicato a tutti quelli che vivono.

Lokum e mamma, buon San Valentino.

Dillo con parole tue... - la Premiazione

martedì 16 febbraio 2010


E così è andata! Il primo concorso di Pet&TheCity! Che a momenti aveva più giurati che partecipanti! Però è stato bello lo stesso, anzi molto bello questo condividere con gli amici i festeggiamenti per celebrare il giorno degli innamorati.
Ci siamo riunite, noi quattro in giuria (Zip, Camilla, Fafà ed io) e abbiamo votato. Il vero pasticcio è arrivato al momento della premiazione, quando il buon Predino, tutto gasato per il successone che aveva avuto la sua partecipazione come Cupido al manifesto pubblicitario, mi ha detto"Facciamo così: quando annunciate i vincitori io mi calo volteggiando dall'alto e faccio un'entratona in scena che nemmeno ad Hollywood!".
Sì, come no? eh... certo! Scema io che gli do retta.

Manco a dirlo si è ingarbugliato nei cavi che dovevano tenerlo sospeso e ha cominciato a ondeggiare avanti e indietro, avanti e indietro.
Ora: se pensate di sapere cosa sia dover fronteggiare una crisi non avete mai provato ad annunciare i risultati di un concorso con un amico color melanzana sospeso a test'ingiù sopra di voi che urla "Tiratemi giù! Tiratemi giù! omammaomammadessovomito".

Comunque, considerato tutto e inconvenienti a parte, ai tre premi (oltre che al superpremio finale) io e il mio papà abbiamo pensato di aggiungerne altri (rimanendo in tema di oggetti rari e sperando di fare cosa gradita), perché non si poteva proprio non premiare le persone che hanno scritto cose così carine! E quindi, il nuovo elenco di categorie premiate è questo:
La Dichiarazione più Dolce vince un Black Kitty e cibi per un picnic "dolce"
La Dichiarazione più Saggia vince Dark Owl e cibi per un picnic "cosmopolita"
La Dichiarazione più Sexy vince un Piggy e cibi per un picnic "speziato"
La Dichiarazione più Ironica vince un peluche Anni '70
La Dichiarazione più Dotta vince un peluche Rana
La Dichiarazione più Gustosa vince un Mont Blanc
La Dichiarazione più Hot vince un peluche Diavoletto

Il Podio completo con i nomi dei Vincitori lo trovate QUI.

Se invece volete leggere le Dichiarazioni che hanno partecipato al Contest, il link per scaricare il pdf è QUESTO.

Coming Soon - i possibili oggetti della prossima settimana

venerdì 12 febbraio 2010


Alcuni dei possibili oggetti della prossima settimana (altresì noti come "spoilers").
Tre i temi individuati: New York City (il preferito di questo blog per ovvii motivi...), gli Alieni (con tanto di scienziati ed Esercito che -cari miei- non si sa mai nella vita cosa vogliono questi alieni qui) e i Pirati (ma ci confonde un poco l'arco e il cappello da Robin Hood).

(Aggiornamento: Sakuya mi hai battuto per una manciata di secondi! stavo finendo la composizione finale qui in basso!!! Brava però, che occhio!)

Harpet's Bazaar #2 - Allarme Rosa

giovedì 11 febbraio 2010


L'editoriale di Miranda Petsley

La Moda è arte, è ispirazione, oltre che affare economico. Ma la Moda è anche Storia ed è cultura, e troppo spesso questo aspetto viene ignorato. Così è importante ricordare che la tradizione di vestire di celeste i bambini e di rosa le bambine risale a quando, in epoche in cui le superstizioni erano parte della vita reale di ogni giorno, si tentava di nascondere i maschi (più preziosi) alla vista delle streghe che volavano animate da feroci intenzioni con coperte del colore del cielo, mentre il rosa era riservato alle femmine, creature inferiori e di poco valore come a dire "se proprio dovete rapire qualcuno prendete lei, la lascio qui bella in evidenza, io non me ne preoccuperò".
Trovo orribile il racconto quasi quanto le collezioni sdolcinate che vengono proposte collezione dopo collezione in questa tinta. Il rosa è un colore difficile, non sta bene a tutte. Se siete pèttine verdi o color mattone il rosa è quanto di peggio possa capitarvi. Sarebbe stato molto meglio per voi vi avessero rapite da piccole. Tollerabile nel caso di incarnato color crema o violetto, resta il fatto che una pet moderna dovrebbe pretendere dai propri genitori un guardaroba personalizzato, e usare molto di più gli specchi (nonché una cartella colori Pantone).


Tremate tremate...

mercoledì 10 febbraio 2010


Memeo mi ha chiamata ieri e mi ha detto "Cleme, hai ancora qualcosa dello scorso Halloween? Be', mettitelo e vieni nel bosco dietro il garden store!".
"E perché scusa?"
gli ho chiesto abbastanza perplessa.
"Ah, ma stai sempre a chiedere il perché e il percome delle cose? - mi ha detto lui (come se non mi conoscesse) - mettili e basta".
Ma pensa un po'! Eh sì certo che chiedo sempre il perché e il percome delle cose, voglio ben vedere. Mica una si barda da strega a febbraio inoltrato tanto per fare, no (ok: Carnevale a parte...)? Così ho chiamato la sorellona di Memeo, e Chanel - bontà sua - mi ha spiegato tutto.

Robe grosse, robe di diritti civili e di responsabilità. Di solidarietà e di manifestazioni pacifiche.
Così mi sono sbrigata a mettere la prima cosina in tema e sono corsa anch'io all'appuntamento.
Ed eccola qui, la foto-ricordo che ha scattato la Mamma umana di Memeo e Chanel.
Che poi mi ha mandato insieme ad una lettera indirizzata idealmente a chi legge questo blog e che pubblico senza commenti.
Ma con un enorme ringraziamento.

"I nostri piccoli Pet sono dei simpatici giocherelloni, ma quando sbirciano nel mondo dei loro genitori umani si fanno seri.
Come dar loro torto? La cronaca parla da sola e anche nel nostro quotidiano non è purtroppo raro imbattersi in persone che si considerano, per chissà quale motivo, migliori di noi e pretendono di imporci idee e stili di vita che non ci appartengono.
E allora i nostri Pet vogliono ricordarci che, uniti, possiamo dimostrare a queste persone la tolleranza, il valore dell’amicizia, la bellezza dell’unicità di ogni individuo.
In passato, persone unite dallo stesso ideale sono riuscite a cambiare le cose e quelle stesse persone sono ancora tra noi, siamo noi. Possiamo fare molto.
Anche tu, amico sconosciuto che stai leggendo, se credi che nessuno, ma proprio nessuno, debba essere considerato inferiore, discriminato, isolato, condividi questa immagine e, se ti fa piacere, unisciti a noi."

Aggiornamento: Grazie a Lokum e a Nojoum il messaggio diventa poliglotta!: eccolo in inglese, francese e anche (forse è meglio dire persino...) in arabo!

Our little Pets are very childish and playful, but the most they glance at their human parents' world, the most they're serious and reputable. How can we blame them? Our ordinary news is always full of people who hold theirselves (and one doesn't know why..) better than the others and they profess to impose their belie...ves, their ideals even if we don't agree.
So, our Pets would love to recall us we can really teach these people the importance of tolerance, of beauty, of singleness which determine every individual.
In the past, people who were linked by the same values could change lots of things in a wrong world and now, these people are with us: we are these people, so we can do much.
And you, friend who has never met us, if you're reading this, if you believe none, really none, should be underestimed, discriminated, cut off... well then share this picture and, if you like it, come join us! ;)

Notres petits animaux sont bon vivants et sympas, mais quand ils lorgnent dans le monde de leur parents humains, ils devient graves.
Comme pouvons nous donner leur tort? L'enregistrement parle de lui-même et également dans notre vie quotidienne n'est malheureusement pas rare tomer sur personnes qui eux s'estiment, pour qui sait quelle raison, meilleurs que nous et prétendrent d'imposer des idées et des styles de vie qui n'appartiennent pas à nous.
Et puis notres animaux veulent nous rappelons que, ensamble, nous pouvons enseigner la tolerance, la valeur de l'amitié, la beauté de l'unicité de chaque individu à ces gens.
Dans le passé, personnes unies par l'idéal même ont réussi à changer les choses et ces mêmes personnes sont toujours parmi nous, nous sommes ces personnes. Nous pouvons faire beaucoup de choses.
Vous aussi, amis inconnus, vous qui lisez cette page, si vous pensez que jamais personne ne devrait être considéré comme inférieur, victime de discrimination, isolé, partagez cette image et, si vous le souhaitez, rejoignez-nous.

الحيوانات الصغيرة ذات الصلة هي جيدة الهواء بارد ، ولكن عندما كانوا في عالم آبائهم البشرية فإنها تصبح خطيرة.
كما يمكن أن يقدم لنا بهم خاطئ ؟ السجل يتحدث عن نفسه ، كما في حياتنا اليومية خطوة نادرة للأسف على الناس يعتبرون أنفسهم عن الذي يعرف ما هو السبب ، أفضل من بيننا وبين لفرض الأفكار وأنماط الحياة التي لا تنتمي لنا.
ومن ثم تريد لنا الحيوانات ونحن نذكر أن , نحن يمكن تعليم التسامح "،" قيمة الصداقة "،" جمال تفرد كل فرد هؤلاء الناس.
في الماضي ، الشعب المتحدة قبل المثالي نفسه نجحت في تغيير الأمور و الشعب ذاته لا يزال بيننا ، ونحن على هؤلاء الناس. يمكننا القيام به الكثير من الأمور.
يمكنك أيضا ، الأصدقاء غير معروف ، تقرأ هذه الصفحة إذا كنت تعتقد أن ذلك الشخص أبدا ينبغي اعتبار النموذج أدنى ، ضدها ، معزولة مشاركة هذه الصورة و إذا كنت تريد أيضاً إدخال العلامات الخاصة بك و انضم إلينا

Le Invasioni Pettariche - Hideeni

martedì 9 febbraio 2010


2^ puntata
ospite
Hideeni.
Benritrovati cari amici, eccoci alla seconda puntata del programma più invadente del web. Se l'altra volta abbiamo avuto il Primo Cittadino del villaggio (che in realtà, più che villaggio, possiamo considerarlo una metropoli), e quindi quello più in vista, oggi avremo quello più difficile da trovare (forse), quello cioè che non siamo noi ad andare a cercare ma è sempre lui che compare da noi.
Immagino abbiate capito tutti: sto parlando di Hideeni!
(nessuno)
"Hideeni!!"
(ancora niente)
"...HIDEENI???"
(sbuca all'improvviso da dietro una sedia)

Camilla: "Oooh, finalmente ecco il nostro ospite!"
Hideeni: "Si... ehm... bubucettete! Io vogliebbi fare un'entratooona a sopresoooona!"
C.: "Be’, direi che c'è riuscito... Dunque, lei è l'acquisto più recente della Playfish: si trova bene?"
H.: "Io trova ‘ssai benerrimissimo, grassie tuti"
C.: "Per chi non avesse avuto modo di conoscerla (e credo che siano veramente in pochi), ci può comunque spiegare in cosa consiste il suo lavoro?"
H.: "Io spaventa tuuuti pèttiiini e fa babau"
C.: "E le piace?"
H.: "Io piace tanto di fare babau"
C.: "Anche quando le fanno indossare costumi un po' "impegnativi", come quello da gallina, da tacchino, o quello che attualmente porta per omaggiare San Valentino, cioè da tigrotto rosa? Chi decide dell'abbigliamento? Ha potere di veto?"
H.: "Miss Lily disegna abito per me . Miss Lily braaaava, io mai veta Miss Lily."
C.: "Le sue visite sono sempre improvvise. Dovrebbe non farsi trovare mai, eppure fonti attendibili dichiarano d'averla trovata nelle loro abitazioni anche più volte al giorno, spesso in situazioni imbarazzanti come durante una doccia, durante "espletamenti corporali" e in camere da letto. Come risponde?"
H.: "Io taaanto bravo di fare babau"
C.: "Durante le festività natalizie, si è "offerto volontario" per riaccompagnare presso le proprie abitazioni alcune amiche bovine di Farmville. Si è trovato bene? Le hanno dato la giusta ospitalità? Ho visto che poco dopo è tornato: nostalgia di casa?"
H.: "Amiche bovine fa Muuu tuuto giorno! Io stanco di Muuu tuuuto giorno. Io ha riflesso Pavloviano: se sente altra volta di Muuuu io scappa nascondermi"
C.: “Scusi, ma lei conosce l’esperimento del cane di Pavlov?, se non sono troppo invadente, mi permette di chiederle il suo grado di istruzione?"
H.: "Accidenti! No… Signora Camilla, la prego! Mi sono confuso!... era così per dire…"
C.: "Signor Hideeni, ma lei non è quel bamboccione che vuol far credere! Anzi, è certamente un pèttino colto e preparato! Non ha senso che stia lì a fare lo scemo del villaggio. Ora chiedo alla regia di chiamare in diretta il Sindaco e..."
H.: "Signora Camilla, la prego, la scongiuro! Non mi rovini! Con due lauree, un master e tre pubblicazioni scientifiche all’attivo non si trova un posto fisso nemmeno a pagarlo. Al massimo un contratto a tempo o a progetto"
C.: "Ma lei è sprecato! è necessario denunciare questo abuso!"
H.: "Ma quale abuso? Meglio vestirsi da gallinaceo e fare Co.Co.Dè.che rincorrere un Co.Co.Co.! Qui mi danno tredicesima, quattordicesima, ferie pagate, 5 Cash coins a settimana come bonus e mi infilo in casa di tutte le pèttine più carine della città"
C.: "Vabbe’, contento lei.... Dunque amici cari, anche per questa volta è tutto. Cercate di vivere serenamente un buon San Valentino col vostro amato. Io cercherò di non bruciare nulla e poter regalare un lauto pranzetto a un certo lupetto. E per i single-pet, tante rose dal nostro ospite, l'ottimo signor Hideeni. Alla prossima puntata, con una nuova intervista Pettarica della vostra Camilla!"

Dillo con parole tue - il concorso di San Valentino

lunedì 8 febbraio 2010



Non è mica stato tanto facile convincere il mio amico Predinzanu a darmi una mano per la foto pubblicitaria. Non ne voleva sapere di entrare nella tunichetta da Cupido, però poi alla fine, grazie a Sniappa ce l'ho fatta a convincerlo, e quindi eccoci qui. A presentarvi il primo concorso a premi del blog di Pet & The City.
Dedicato - va da sé - a San Valentino e all'amore. Ogni tipo di amore (e chi vuole intendere intenda).

Come in tutti i concorsi che si rispettino cominciamo dalle regole. Dunque, per partecipare bisognerà inviare entro domenica 14 febbraio una propria dichiarazione d'amore. Non importa se è un amore platonico, o ideale, o sensuale, e non importa -chiunque voi siate- se la dichiarazione la fate a un pèttino-lui o una pèttina-lei. Quello che ci importa è che sia una dichiarazione d'amore, tutto qui.
Potrebbe essere una citazione da un libro, una poesia, un film famosi (nel qual caso dovreste però citare il riferimento), oppure una frase originale che vi ha dettato il cuore. Potrebbe anche trattarsi di una parola sola o di una semplice considerazione. Non ci sono limiti a ciò che vi suggerirà la vostra ispirazione, senza contare che potrebbe anche essere un modo molto romantico per "dichiararsi".

Fatto questo allegate obbligatoriamente anche una "fotografia" del pet che fa la dichiarazione (può essere una foto-ritratto o una "in posa", ritoccata a photoshop o "nature") e se volete - ma non è fondamentale - anche una che ritragga l'oggetto del vostro amore e una piccola spiegazione.
Completate con il nome del pet (non dimenticatevene!!!) et voilà. Tutto qui. Buona fortuna.

Ci saranno 4 premi, 3 per categoria e un "superpremio" finale.
Verranno infatti premiate le dichiarazioni
più dolce
più saggia

più sexy


e tra queste una riceverà anche il titolo di "P&TC Valentine's 2010" (e un "Princess Bed dal valore di 4999 coins).

La Giuria (composta da Camilla, Fafà e dalla sottoscritta Clementina a cui si è aggiunta in qualità di prestigiosa Presidente la mitica Zip) annuncerà nei primi giorni della prossima settimana i vincitori, che riceveranno subito dopo i premi che avranno vinto.

Manca qualcosa? Ah, sì, certo: tutte le frasi partecipanti (un po' stile Baci PETugina) verranno comunque pubblicate sul blog per celebrare insieme questa festa, e... Buona Fortuna a tutti, che San Valentino vi regali tanto, tanto amore.

Aggiornamento dell'ultima ora: a gentile richiesta di un nutrito gruppo di fan, provvederemo a breve a postare la foto autografata di Predino in veste di Cupido. Sempre che si riesca a rimettergli la tunichetta e si capisca dove diavolo si è nascosto...

Come ottenere rose e bonus coins in tempo reale!

venerdì 5 febbraio 2010


Dopo averlo insultato, maltrattato, spedito a Farmville, angariato in varie maniere il buon Hideeni pare adesso essere il pèttino più amato, ricercato e conteso di tutta Pet Society.
Ah! com'è volubile l'animo umano (e anche quello pèttico)!
Comunque, dall'ultima manutenzione, la caccia alle rose è diventata il nuovo sport nazionale. Con un continuo "entra ed esci" dal gioco che si ripercuote sui server della Playfish (e a cascata sulla lentezza nel caricarsi della pagina per i poveri genitori).

Esiste però un sistema PERFETTAMENTE LEGALE che permette di "cogliere le rose" non appena quell'accidente di gallinaceo-tigrotto OGM che non è altro le propone in bacheca (lo stesso vale però anche per i 50 bonus coins delle lotterie altrui).

Basta tenere aperto Pet Society in una finestra (o una scheda) del browser e la home page di Facebook in un'altra. Cliccando su "Richiedi il tuo regalo gratuito" oppure su "Richedi le tue monete bonus" non appena compaiono nelle "Notizie in Tempo reale" e aspettare che la pagina inizi a caricarsi, poi immediatamente dopo (se si aspetta troppo c'è il rischio di venire disconnessi, anche se di fatto le rose o il bonus sono stati accettati e li ritroveremo appena rientrati) cliccare "HOME" in modo da tornare a Facebook.

Tutto qui. In qualche secondo nella pagina già aperta di Pet Society arriverà il pacchettino violetto o il sacchetto della banca.
Come dire? "da Hideeni, Consegne a domicilio".

Fashion Style in Pet Society

giovedì 4 febbraio 2010

Essere amici della DrugQueen comporta infiniti vantaggi. Tra questi il poter fare riferimento ai più bei nomi del jet-set di Pet Society.

Così, quando si è trattato di raggiungere la famosa e per certi versi temutissima Miranda Petsley, Direttrice di HarPET's Bazaar (l'equivalente di Anna Wintour o di Meryl Streep "vestita Prada", come dimostra anche il diretto confronto qui in basso tra le tre signore ritratte nei rispettivi uffici) chiedendole umilmente... gentilmente se per caso... per favore fosse disposta a curare una speciale ed esclusiva rubrica di moda e trend per i lettori del blog di Pet & The City la mia ineffabile amica ha detto solamente "Consideralo già fatto".


E così, solamente su queste pagine, direttamente dalle vette della Fashion Industry... ecco il "Miranda Petsley's Style Spot". Ovvero tutto quello che i pèttini più esigenti e informati devono sapere quando si tratta di trend e stile.